domenica 18 marzo 2018

Caccavelle alla Zucca

Le caccavelle sono  un particolare tipo di pasta di gragnano, a forma di grossa conchiglia, ideale per essere farcita in tantissimi modi. oggi l' ho voluto preoarare con la zucca che adoro e per farla mangiare a casa devo studiami sempre nuove
varianti.E devo dire che questo ripieno con zucca, mozzarella e salsiccia, ci ha decisamente conquistato, il sapore è delicato ma molto goloso e se non doveste riuscire a trovare questo particolare formato di pasta potrete utilizzare de semplici
conchiglioni. 






Caccavelle alla Zucca
Preparazione 30 min
Cottura "5 min
Difficolta Facile

Ingredienti per 2 persone
2 caccavelle
250 g di zucca tagliata a cubetti 
2 mozzarelle da 100 g
1 salsiccia
rosmarino e timo
olio etravergine di oliva q.b.
sale, pepe
100 ml circa di brodo vegetale 
1/2 bicchiere di vino bianco
1/2 cipolla
300 ml di besciamella abbastanza liquida
1 cucchiaio di pangrattato 
2 cucchiai di pecorino romano grattugiato 

Procedimento
fate un soffritto con olio e cipolla, aggiungete la salsiccia sbriciolata, lasciatela rosolare per qualche minuto, sfumate il con vino bianco, quando la parte alcolica sarà evaporato, unite la zucca tagliata a tocchetti, cuocete per 3-4 min, unire il brodo e le spezie e lasciate cuocere per altri 10 min o fino a quando la zucca non diventa morbida, lasciate evaporare a fuoco vivo, aggiustate di sale e pepe.

Lessate le caccavelle per circa 10 min, scolatele disponetele in un coccio precedentemente unto o in un'unica teglia.
Farcitele al centro di ogni conchiglione  qualche cucchiaio di zucca  disponete dentro un bocconcino di mozzarella (anche fette di mozzarella se non trovate i bocconcini da 100 g) ricoprite con la besciamella, facendola cadere anche all'interno del coccio ,cospargete sulla superficie un pò di pangrattato, pecorino e pepe, in modo tale da formare una crosticina croccante.
Infornateli per circa 25 min a 200° C, lasciateli riposare per 5/10 min prima di servirli, si gusteranno di più ed eviterete ustioni.


Nessun commento:

Posta un commento