Strudel di Scarole






Mentre tutti oggi si dedicano alle pastiere...in vista del venerdì santo, dove per tradizione chi è di religione Cristiana, si astiene dal consumare la carne, (anche se questa astensione non dovrebbe essere solo per il venerdì santo) mi sono portata avanti e ho preparato per domani con le ultime scarole trovate al mercato bio, un delizioso strudel di scarole. Proprio come ho fatto io, questo rustico può essere preparato in anticipo cotto e conservato in frigo, è ottimo sia caldo che a temperatura ambiente, quindi molto pratico per le gite fuori porta. In questo rustico  ho riunito un po il nord e il sud, preparando una pasta per strudel, tipica del omonimo dolce, con farina integrale,  farcita con il ripieno classico della pizza con le scarole, piatto tipico della tradizione campana, ovviamente le scarole posso essere sostituite con qualsiasi verdure o ortaggio di stagione che più vi piace. È un piatto unico e con tutti i nutrienti necessari per un pasto completo, infatti abbiamo i carboidrati della sfoglia, gli omega delle acciughe, le noci che sono ricche di grassi buoni, quindi molto energetiche e ricche di proteine. Infine c’è la scarola, che appartiene alla stessa famiglia delle cicorie ovvero delle insalate amare, è ricca di acqua, stimola così la diuresi e ha un basso apporto calorico; è ricche di vitamina C, betacarotene, fibra e minerali. Di conseguenza purifica reni intestino e soprattutto il fegato che nei mesi invernali può sovraccaricarsi a causa della ridotta attività fisica e dell’alimentazione più grassa e zuccherina.
Vediamo insieme come preparare questo semplice e gustoso piatto!



Strudel di Scarole
Preparazione 30 min
Cottura 35 min
Difficoltà: medio-bassa

Ingredienti per uno strudel

Per la pasta strudel
165 g di farina tipo 1
1 uovo medio
30 g di acqua
30 g di burro morbido
2 g di sale
Pepe a piacere

Per il ripieno
1 kg di scarole
2 cucchiai di uvetta di Corinto
5-6 noci
50 g di olive nere snocciolate
4 filetti di acciughe sott’olio
2 cucchiaini di capperi dissalati
1 spicchio di aglio
Sale e peperoncino a piacere
5-6 cucchiai di olio extravergine d’oliva più altro per spennellare
Pepe nero a piacere


Procedimento
In una ciotola unite tutti gli ingredienti, lavorate bene fino ad amalgamarli, compattate e lasciate riposare in frigo minimo 30 min.

Lavate accuratamente le scarole eliminando eventuali foglie appassite o ingiallite, lasciatele gocciolare in uno scolapasta.
Intanto, in una padella capiente, fate un soffritto con aglio olio e peperoncino, appena l’aglio inizia ad imbiondire aggiungete le scarole e lasciatele stufare per circa 6-7 minuti a fiamma viva, senza aggiungere sale, cercando di eliminare l’acqua in eccesso, dovranno rimanere il più asciutte possibili, altrimenti, proprio perché ricche di acqua, quando le inseriamo nella sfoglia rischiamo che ques’ultima si inzuppi, creando così un effetto colla, non molto piacevole sia per il palato sia per la vista.
Cotte le scarole, lasciatele raffreddare.

Accendete il forno in modalità statica a 180 gradi centigradi o in modalità ventilata a 170 gradi centigradi.

Su un piano infarto, stendete la pasta in una sfoglia sottilissima, quasi trasparente.
Adagiatevi al centro le scarole, lasciando circa 2 cm di bordo, unite i filetti di acciughe spezzettat, le noci sbriciolate grossolanamente, le olive e i capperi, condite con un filo di olio extravergine d’oliva e se gradite una spolverata di pepe.
Arrotolate, cercando di serrare delicatamente la sfoglia, in modo da non creare “caverne “ all’interno.
Chiudete bene le estremità, adagiatelo sulla leccarda rivestita con carta da forno, facendo capitare le giunture sotto, pennellate tutta la superficie con abbondante oli, fate dei tagli su tutto il salsicciotto, in modo tale da consentire l’aria di fuoriuscire e infornate per circa 35 min.

NOTE: per uno strudel più ricco potete aggiungere 100 g di emmental o altro formaggio a pasta filante. Inoltre può essere congelato da cotto ma anche da crudo.


Commenti

Post più popolari