Carciofi alla Romana

I carciofi alla romana, sono un piatto tipico della cucina tradizionale Laziale più precisamente Romana. 
Considerato un piatto povero, si è tramandato nel tempo, senza grosse modifiche, ma non per questo "povero" di gusto e di benessere, anzi.
E' una ricetta molto semplice, che richiede pochi e semplici passaggi e ancor meno ingredienti e come sempre vi suggerisco, sceglieteli tutti di prima qualità, perchè già partiamo con il piede giusto, per ottenere un piatto di gusto. Per la perfetta riuscita di questa ricetta è indispensabile che i carciofi scelti siano della varietà "mammole", quelli grandi e tondeggianti e  tenera, tipici della città romana. 
Gli ingredienti che lo compongono sono appunto i carciofi, pangrattato, erbe aromatica e olio extravergine d'oliva. Sono perfetti da abbinare con secondi piatti a basa di carne, uova, formaggi o anche come piatto unico...un suggerimento, non accompagnateli ad un qualsiasi vino, sceglietene uno appropriato, vi suggerisco un bianco, ma anche un rosso va bene, purché sia senza tannini, come la Lacrima di Morro d'Alba.






Carciofi alla Romana
Preparazione: 15 min
Cottura: 50 min
Difficoltà:bassa

Ingredienti per 4 carciofi
4 carciofi tipi mammole 
5 cucchiai di pangrattato
1 ciuffo di prezzemolo 
qualche foglia di mentuccia romana
1 aglio fresco o due spicchi di aglio
160 ml di olio extravergine d'oliva
1 limone
sale e pepe a piacere

Procedimento
Pulite i carciofi, togliendo le foglie più esterne, quindi più dure fino ad arrivare a quelle dai colori più tenui, che risultano essere anche quelle più tenere. Tagliate il gambo, lasciandone 5-6 cm attaccato al carciofo e raschiatelo, raschiate e tagliate a rondelle i gambi restanti, con l'aiuto di un coltello tagliate le punte pareggiando.

Aprite un po' le foglie del carciofo (questa operazione è abbastanza semplice con le mammole) e con uno scavino togliete la barbetta centrale. Sciacquate i carciofi sotto l'acqua corrente e man mano che sono pronti metteteli in una bacinella piena d'acqua fredda acidulata con il succo del limone. Eviterete così di annerirli.

Tritate finemente le erbe aromatiche e l'aglio. Raccoglietele in una ciotola unite il pangrattato, e condite con circa 100 ml d'olio d'oliva, aggiustate di sale e pepe, quindi amalgamate bene il tutto. Aggiungete altro all'olio all'occorrenza, per ottenere un composto denso e compatto.

Riscaldate un filo d'olio in una pentola dal fondo spesso e sistemate i carciofi a testa in giù, aggiungete i gambi di carciofi tagliati a rondelle, aglio, prezzemolo e mentuccia, fate rosolare il tutto per qualche minuto, aggiungete l'acqua (dovrete arrivare a metà della testa dei carciofi), coprite a contatto con un foglio di carta forno ed avviate la cottura a fuoco dolce per almeno 50 minuti (il tempo effettivo dipende dalla qualità e dalla grandezza dei carciofi stessi). Durante la cottura verificate che il fondo non sia completamente asciutto, diversamente aggiungete altra acqua calda. Servite sia caldi che freddi accompagnati dal sughetto di cottura.



Commenti

Post più popolari